Dancing Le Roi

Fra i volteggi e i riflessi del capolavoro di Mollino

Varcate le vetrate con le “L” dorate, superato il corridoio di maioliche e specchi, la sala da ballo si avvolge su sé stessa. Una spirale di cento lampade colorate segue i movimenti delle coppie danzanti.

Nel locale della famiglia Lutrario, meta obbligata per i divi anni Sessanta, i dettagli sono gli stessi voluti dal migliore Carlo Mollino: mosaici, scalette, giochi di ferro battuto.

Affacciati alla galleria a mezzaluna, tutto nel “re dei dancing” è sospeso nel tempo. Questo luogo eccezionale rimane il depositario di una storia unica.

In occasione di Open House Torino saranno in mostra 12 sedie originali disegnate da Carlo Mollino per gli arredi del Le Roi, ristrutturate dalle Tappezzerie Druetta.